Credito d’imposta investimenti 2020: attenzione all’indicazione in fattura

13 Febbraio 2020 in Notizie Fiscali

Chi vuole usufruire del credito d'imposta sugli investimenti, nel 2020 deve fare particolare attenzione al rispetto di determinate condizioni. In attesa che l'Agenzia delle Entrate o il Ministero dello sviluppo Economico pubblichino i necessari chiarimenti ufficiali, di seguito ecco le condizioni per non perdere il credito d'imposta sugli investimenti:

  1. L'indicazione sulla fattura (o sugli altri documenti di acquisto) della disposizione di legge. In particolare la disciplina delle agevolazioni in commento si trova all'articolo 1 della Legge 160/2019 ai commi:

    • comma 188: beni generici che danno diritto ad un credito d'imposta al 6%;L
    • comma 189: beni materiali industria 4.0
    • comma 190: beni immateriali industria 4.0
  2. L'acquizione di una perizia tecnica semplice o della dichiarazione del legale rappresentante nel caso di investimenti fino a 300.000 euro. Questa rappresenta una semplificazione rispetto alla disciplina precedente che prevedeva una perizia asseverata;
  3. L'invio della comunicazione al MISE (Ministero Sviluppo Economico) le cui modalità e i termini devono ancora essere pubblicati;
  4. La conservazione della documentazione: la mancata conservazione della stessa è punita, secondo la norma, con la revoca dell'agevolazione. In particolare, la documentazione deve contenere:

    • l'effettivo sostenimento dei costi
    • la corretta determinazione dei costi e del beneficio.
  5. L'assenza di cause ostative al beneficio stesso come il mancato rispetto degli obblighi previsti sulla sicurezza sul luogo di lavoro, dei versamenti dei contributi assistenziali e previdenziali nonchè le impres destinatarie di sanzioni interdittive.

Dato che il rispetto di queste condizioni è fondamentale per beneficiare del credito d'imposta, si spera in tempestivi chiarimenti da parte dell'amministrazione. Per approfondire sul tema si consiglia di leggere l'articolo Credito d’imposta 4.0: addio a super/iper ammortamento nella Legge di bilancio