Compilazione spese sanitarie e veterinarie: pubblicato il decreto

16 maggio 2018 in Rassegna Stampa
Fonte: Fisco e Tasse

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.110 del 14-05-2018) il decreto MEF del 27 aprile 2018 riguardante le "Specifiche tecniche e modalità operative del Sistema tessera sanitaria per consentire la compilazione agevolata delle spese sanitarie e veterinarie sul sito dell'Agenzia delle entrate, nonche' la consultazione da parte del cittadino dei dati delle proprie spese sanitarie, in attuazione dell'articolo 3, comma 3-bis, del D. Lgs 175/2014". 

In particolare, l'articolo 2 del DM rubricato "Spese sanitarie e veterinarie: consultazione e modifica dei dati da parte del contribuente. Modifiche al decreto 31 luglio 2015" prevede che dall'anno d'imposta 2017 il Sistema Tessera Sanitaria renda disponibili all'Agenzia delle Entrate le funzionalita' riferite

  • ai dati delle spese sanitarie necessarie per la compilazione agevolata dei medesimi dati da parte del contribuente sul sito dell'Agenzia delle entrate, anche con  riferimento alle spese sostenute per i familiari a carico e ai relativi rimborsi.
  • ai dati delle spese veterinarie necessarie per la compilazione agevolata dei medesimi dati da parte del contribuente sul sito dell'Agenzia delle entrate, anche con riferimento alle spese sostenute e ai relativi rimborsi.

Il Sistema TS, solo a fronte dell'attivazione della funzionalità di compilazione agevolata della dichiarazione, rende disponibili all'Agenzia delle Entrate le seguenti funzionalità:

  • consultazione dei dati di dettaglio;
  • inserimento di un nuovo documento fiscale di spesa o rimborso da utilizzare nella dichiarazione dei redditi. Il contribuente dichiarante, con riferimento al nuovo documento fiscale o rimborso da inserire, deve indicare

    • la data di pagamento/rimborso,
    • il soggetto che ha emesso il documento fiscale,
    • l'importo della spesa o del rimborso,
    • indicando, facoltativamente, anche la partita IVA del soggetto che ha emesso il documento fiscale e il numero del documento fiscale. Se la spesa sanitaria e' riferita a un familiare  a  carico, il contribuente deve inserire la relativa percentuale di sostenimento della spesa;
  • modifica di un documento fiscale di spesa o rimborso da utilizzare nella dichiarazione dei redditi. Il contribuente dichiarante può modificare l'importo del documento di spesa o del rimborso e l'indicazione di utilizzo della spesa ai fini della precompilata da parte dell'Agenzia delle entrate. Se la spesa sanitaria e' riferita a un familiare a carico, il contribuente puo' modificare la percentuale di sostenimento della spesa;
  • indicazione di non utilizzo nella dichiarazione dei redditi di un documento fiscale di spesa o rimborso;
  • calcolo della somma complessiva delle spese sanitarie afferenti al contribuente dichiarante e/o ai suoi familiari a carico, sulla base delle relative percentuali di  carico. L'esito dell'elaborazione viene memorizzato in una base dati apposita e reso disponibile all'Agenzia delle entrate.

Con riferimento ai singoli contribuenti che si avvalgono del servizio di compilazione agevolata l'Agenzia delle entrate rende disponibili al Sistema TS le informazioni concernenti:

  • codice fiscale del contribuente dichiarante e i codici fiscali e le relative percentuali di carico fiscale dei familiari a carico inseriti nella dichiarazione precompilata. Qualora il contribuente, in fase di compilazione della dichiarazione, aggiunga ulteriori familiari a carico con la relativa percentuale di carico, l'Agenzia delle entrate rende disponibili tali dati al Sistema TS che attiva la sola funzionalità di inserimento di una nuova spesa sanitaria o rimborso;
  • tipologie di spese che l'Agenzia delle entrate non ha utilizzato per la elaborazione della dichiarazione precompilata.