Catasto: dal 7 dicembre possibile consultare l’archivio con i prezzi delle compravendite

9 Dicembre 2020 in Notizie Fiscali

Dal 7 dicembre 2020 è attivo il servizio che consente la consultazione GRATUITA dei corrispettivi dichiarati nelle transazioni immobiliari a titolo oneroso. 

I valori consultabili si riferiscono ad atti stipulati a partire dal 1° gennaio 2019.

I dati sono desunti dai modelli per l’Adempimento unico di trascrizione, voltura e registrazione degli atti di compravendita, relativi a unità immobiliari censite nel Catasto fabbricati trasferite per l’intero e per il diritto di proprietà, eventualmente insieme a particelle terreni.

La guida al servizio è scaricabile QUI

Tramite questa nuova funzionalità sarà possibile visualizzare su mappa gli immobili oggetto di compravendita e consultare le principali informazioni delle singole unità immobiliari nel rispetto della tutela della privacy dei soggetti coinvolti.

La funzionalità è destinata a:

  • cittadini
  • tutte le categorie professionali

Sarà possibile conoscere il prezzo realizzato nelle transazioni immobiliari, così come deducibile dai modelli per l’adempimento unico di trascrizione, voltura e registrazione degli atti di compravendita nei quali siano stati trasferiti (per l’intero e a titolo oneroso) diritti di proprietà di unità immobiliari censiti negli archivi del Catasto fabbricati.

Accesso al servizio:

Per accedere è necessario autenticarsi ai servizi telematici Fisconline/Entratel dell'Agenzia, tramite l'Area riservata, attraverso

  • le proprie credenziali SPID
  • le credenziali rilasciate dall'Agenzia delle Entrate
  • una smart card che risponda ai requisiti della Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

All’interno del servizio, la ricerca dei dati può essere effettuata tramite:

  • toponimo (località, indirizzo)
  • oppure attraverso un’area territoriale (provincia, comune, zona Omi)

Per l’individuazione dei dati d’interesse sono necessari la tipologia atto e il periodo di iriferimento selezionabile a partire dal mese di gennaio 2019. 

È possibile, inoltre, applicare ulteriori filtri di ricerca, come un intervallo minimo/massimo per il valore dei corrispettivi dichiarati e un raggio di ricerca fino a 1000 metri dal centro dell’area selezionata.

La banca dati

La banca dati informativa del servizio è ottenuta dall’incrocio di quattro archivi: 

  1. l’archivio della Pubblicità immobiliare, relativo alle Note di trascrizione (data dell’atto, identificativo catastale dell’unità immobiliare, tipologia di diritto trasferita e quota trasferita); 
  2. l’archivio del Catasto, per ciò che riguarda i dati censuari dell’immobile, come la categoria e la consistenza; 
  3. l’archivio delle zone Omi, per il corretto georiferimento dell’immobile all’interno di zone omogenee, 
  4. l’archivio relativo alle Note di registrazione, per il reperimento del corrispettivo dichiarato all’interno degli atti di compravendita.

Il servizio, nel rispetto della normativa sulla privacy, rende consultabile per ciascun atto i seguenti dati:

  • mese/anno di stipula dell’atto di compravendita
  • tipologia dell’atto di compravendita
  • numero degli immobili compravenduti nell’atto
  • corrispettivo dichiarato per la compravendita risultante dal modello compilato per l’adempimento unico di trascrizione, voltura catastale e registrazione dell’atto
  • comune, zona Omi, categoria catastale, consistenza catastale di ogni unità immobiliare censita nel Catasto fabbricati compravenduta nell’atto.