Autonomo forfettario può cedere il credito per la detrazione da ecobonus al genitore

6 Ottobre 2020 in Notizie Fiscali

Con Risposta a interpello n 432 del 2 ottobre l’agenzia fornisce un importante chiarimento in merito alla possibilità di cessione  del credito di imposta corrispondente alla detrazione per le spese sostenute nel 2020 per interventi rientranti nell’ecobonus relizzati sulle singole unità immobiliari da un beneficiario della agevolazione professionista in regime forfettario.

Ricordiamo che il beneficio in questione consiste in una detrazione dall'imposta lorda nella misura del 50%, nel limite di 60mila euro di spesa, da fruire in dieci quote annuali (ex articolo 14, Dl n. 63/2013). 

In linea generale l’agevolazione non poteva essere utilizzata da coloro che possiedono esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva in quanto l’imposta lorda è assorbita dalle altre detrazioni o non è dovuta (come per la no tax area) 

Questo è il caso dei contribuenti in regime forfettario (ex art 1 commi da 54 a 89 della Legge n190/2014)

Con il Decreto Rilancio si è superato questo ostacolo in quanto l’art 121 consente il trasferimento del credito d'imposta corrispondente alla detrazione spettante nei confronti “di altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari”.

Non rileva, ai fini dell’esercizio della opzione della cessione, secondo quanto chiarisce l’agenzia, che il reddito non concorra alla formazione della base imponibile ai fini IRPEF in quanto assoggettato a tassazione separata o imposta sostitutiva.

Inoltre, quanto previsto dall’art 121 del Decreto Rilancio, supera i chiarimenti della Circolare n. 11/2018 in merito ai cessionari possibili e alle modalità di cessione, poiché esso prevede la cessione ad altri soggetti ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari senza che sia necessario verificare il collegamento con il rapporto che ha dato origine alla detrazione.

L’istante è un libero professionista in regime forfettario con esclusivo reddito da lavoro autonomo per l’anno 2019 e per l’anno in corso.

Egli intende effettuare sulla propria abitazione interventi di riqualificazione energetica (posa serramenti e infissi) e chiede chiarimenti in ordine alla possibilità di cedere il credito corrispondente alla detrazione spettante di cui all’art. 14 del DL n 63/2013 (convertito con modificazioni) al proprio genitore che finanzia gli interventi.

Egli a sostegno della propria tesi cita la Circolare n 11/E del 2018 che chiarisce che il credito in questione può essere ceduto da tutti i soggetti teoricamente beneficiari della detrazione, e cita inoltre la risposta a interpello n 298 del 2019 secondo la quale anche i soggetti di no tax area possono cedere il credito corrispondente alle spese sostenute per i lavori di riqualificazione energetica.

Egli ritiene di poter cedere il credito corrispondente alla detrazione fiscale al proprio genitori in ragione della analogia della posizione tra soggetti no tax area e liberi professionisti in regime forfettario

L’agenzia per i motivi su elencati ritiene che il professionista in regime forfettario possa beneficiare della opzione di cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di riqualificazione energetica, o ecobonus, al proprio padre finanziatore delle spese.